domenica 30 marzo 2014

FRITTELLE DEL 1 APRILE



Tralasciando il fatto che carnevale è già finito da un po' e no, non è il 1° Aprile, (dettagli), arriverà anche quello tra non molto, oggi ho deciso di cimentarmi in un piatto che vi devo confessare non amo per niente preparare: le frittelle.

Ad essere precisi io odio letteralmente tutto ciò che è fritto, voglio dire, prima di tutto non amo come si riduce la casa dopo, prima e durante l' "operazione", in più tutto quell'olio, oltre a farmi venire dei sensi di colpa grossi come montagne, mi rimane addosso, nelle narici, nei capelli e resta lì aggrappato per giorni e giorni. Che ve lo dico a fare? Credo che ognuno di noi abbia provato questa sensazione almeno una volta nella vita e che l'abbia odiata tanto quanto me.
Non c'è niente da fare, anche se riconosco che rinunciando al fritto mi perdo qualcosa di inimitabile, croccante e soffice allo stesso tempo, il detto "fritta è buona anche una ciabatta" con me proprio non attacca.
Oggi ho deciso di stringere i denti, tapparmi il naso, spalancare le finestre e fare un'eccezione dedicandomi a questa odiata attività ed apportando già che c'ero una significativa modifica alla tradizionale ricetta delle frittelle di riso. Surprise!




Ingredienti:
85 g di avena pura
1/2 bicchiere di latte
2 cucchiai grandi di zucchero +
60 g di zucchero
50 g di uvetta sultanina
una noce di burro
un uovo intero
scorza di limone
100 g farina
olio di semi di girasole


Preparazione:
Versate il latte in un pentolino capiente, fino a portarlo ad ebollizione, aggiungete l'avena, i due cucchiai di zucchero, le scorze di limone e la noce di burro. Cuocete l'avena fino a quando il latte non sarà evaporato quasi tutto. Togliete le scorze di limone e lasciate riposare per una notte. Mettete a bagno l'uvetta per circa mezz'ora. Versate l'impasto con l'avena cotta in una ciotola per poterla lavorare, aggiungetevi l'uvetta ed il rosso dell'uovo. Montate gli albumi a neve ed unite anche questi al composto. Se risulta troppo umido potete aggiungere un cucchiaio di frumina. In un piatto versate la farina ed uniteci il residuo zucchero.
Preriscaldate l'olio di semi in una padella per friggere. Quando sarà ben caldo, abbassate la fiamma e formate delle palline disomogenee con l'impasto. Passatele nella farina e zucchero e friggetele a fornello basso per non bruciarle.
Una volta cotte toglietele ed adagiatele in un contenitore con la carta assorbente. Cospargetele di zucchero semolato o a velo, a piacere.


34 commenti:

  1. è proprio così, fritta è buona anche una ciabatta ma le tue frittelle ancor di più, sfiziosissime !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sì dai ogni tanto ci vuole, bisogna fare uno strappo alla regola! :)

      Elimina
  2. anch'io non amo friggere, in verità un po' mi nausea...
    che buone le tue frittelle... direi che lo sforzo è stato ricompensato ;)
    buona giornata ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...sono anche particolarmente fotogeniche mi sembra, no? Vabè si vede che quello che fa più male nella vita è anche più gradevole da guardare!! ;-)

      Elimina
  3. Sembrano ottime le tue frittelle! Anche io le ho fatte per la festa di papà, le frittelle di riso... ma le tue sembrano più... leggere! Io non potevo fare diversamente, dato che di leggero non ho niente!

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni occasione è buona, hai proprio ragione! Uhauha sono buone anche meno leggerine di sicuro! :D

      Elimina
  4. Le tue frittelle sembrano buonissime!!
    La penso come te sui fritti, infatti quando a carnevale ho preparato le graffe, mi sono fatta mille problemi sul "dopo-graffe" ("oh mio dio! Avrò i sensi di colpa per giorni!!").. poi ne ho addentata una e... hanno vinto loro, lo confesso ahahahah
    Insomma, come si può fare a dire di no a dolci così??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maledetti dolci!!! Le graffe non le ho mai preparate, non so forse sono simili a quelli che noi chiamiamo cenci (rigorosamente strafritti!). Vincono seeeempre loro!! Un bacioo

      Elimina
  5. Ciao cara e ben ritrovata! Sono felice che le mie ricette in inglese ti facciano simpatia, anch'io mi diverto molto quando le scrivo : )) Mi piacciono molto le tue frittelle...io sono una di quelle che adora i fritti ahimè! L'avena la uso tantissimo, soprattutto a colazione e la tua idea di fare una sorta di frittelle di porridge mi sembra veramente interessante! Ti abbraccio e ti auguro una felice settimana! A presto, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary! Ci hai azzeccato in pieno! L'idea mi è venuta proprio preparando il porridge una mattina! Ho pensato, perchè no? A presto e grazie della visita :)

      Elimina
  6. Non riesco ad aggiungermi ai tuoi lettori fissi...questi marchingegni sono sempre in tilt! Non mi arrenderò di certo e proverò di nuovo!! Un bacio, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che io ti vedo tra i miei lettori fissi! Ma dalla prima volta eh!Mi sa che comunque sta impazzendo google friend! Anche io ho un sacco di problemi!! Un abbraccio

      Elimina
  7. Ho lo stesso problema di Mary.... non riesco a capire il perché tento da diversi giorni ma niente grrrr quando non riesco a darmi delle spiegazioni plausibili alle cose che non riesco a fare mi innervosisco ahahhaa vabbe' ritento magari saro' piu' fortunata o almeno spero.... ^______^ i fritti? li amo come tutti penso... ma li evito o meglio cerco di limitarmi ma le tue frittelline una tira l'altra sembrano davvero gustose.....giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! Non ti preoccupare!! Sono problemi comuni!! Non funziona neanche facendo aggiungi ed inserendo l'indirizzo del Blog? Queste frittelle secondo me non aspettano altro che essere mangiate :) Sono anche più leggere di quelle di riso il che fa ridurre nettamente i sensi di colpa! ;) A presto cara

      Elimina
  8. Il fritto è sempre il fritto....un pochino noioso da fare...ma quando si gusta...beh, allora andiamo tutti in estasi!!!
    ti lascio il link per il mio nuovo contest: tema frutta primaverile...ci sarai???

    http://lacasadi-artu.blogspot.it/2014/03/sfrutta-la-primavera-il-nuovo-fruits.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaoo!! Il fritto mi sa che non va tanto con la primavera :) Partecipo volentierissimo anche se devo capire come funziona grazie dell'invito cara :)

      Elimina
  9. Neanche a me piace friggere e mangiare fritti ma le tue frittelle d'avena m'ispirano molto ed uno strappo lo farei volentieri!
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una volta...dai retta ne vale la pena!!! Un abbraccio grande :D

      Elimina
  10. anche per me il fritto è cosa rara, ma come si fa a rinunciare a queste frittelline così gustose e con ingredienti così salutari? ne prendo un paio così...giusto per gradire ma se rimangono una bella cartata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certamentee!! Fai pure, ce ne sono quante ne vuoi! :)

      Elimina
  11. Per delle frittele tanto golose vale la pena tappare il naso ed evitare i sensi di colpa... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo un po' tanto passa tutto, sia il senso di colpa che il cattivo odore di fritto!! Un bacioo :)

      Elimina
  12. Riconosco perfettamente la sensazione di cui parli... Nemmeno io ho particolare simpatia per i fritti! Hai tutta la mia stima per aver tappato le narici e spalancato le finestre per regalarci queste sfiziosissime frittelle di riso! Un bacio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! Lo sapevo che c'era qualcuno che sapeva esattamente di cosa stavo parlando!!Una volta ogni tanto ho fatto uno strappo alla regola, giusto per curiosità! :)

      Elimina
  13. Me ne fai assaggiare una? Io non amo molto il fritto e a casa non lo cucino mai ma queste frittelline paiono davvero molto invitanti... Un abbraccio
    Lore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche a me piace troppo ma loro si mangiano che è una meraviglia davvero!!! Provale pure!Bacioo :)

      Elimina
  14. Queste frittelle han fatto venire la voglia di friggere anche a me che, in materia, la penso proprio come te!!! L'unto...per non parlare dell'odore di fritto in casa e sui capelli...è anche vero che potrei copiare la dirimpettaia di casa mia: stendendo i panni, domenica, l'ho vista intenta a friggere con la cuffia della doccia in testa!!! ^_^
    A presto e complimenti per l'idea!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo seriamente di essere la tua dirimpettaia, o se non altro di assomigliarle parecchio mentre friggo :-p Un bacione e buon Week end!! :)

      Elimina
  15. Davvero squsite! e complimenti per il premio qui sotto!!!! bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille caraa!! Buon week end!!

      Elimina
  16. Ciao Giada, grazie per la tua bella traccia lasciata nel mio blog. In generale condivido pienamente tutto ció che hai scritto sulla frittura ed in questo caso, da quanto appaiono buone queste frittele credo che condivido anche questa un'eccezione! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scherzi? Le tue patate sono troppo belle!!Sono felice che ti siano piaciute anche le frittelle!! Grazie della visita e Buon week end (anche se qui il sole è sparito!) Un bacione!!

      Elimina
  17. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  18. Ciao, mi chiamo Erika, il tuo blog è davvero carino... ti lascio un premio http://cuordiciambella.blogspot.it/2014/10/una-bellissima-sorpresa-il-premio.html
    e ti aggiungo sicuramente alla lista dei blog che seguo su http://cuordiciambella.blogspot.it/

    buona giornata!!

    RispondiElimina